La valutazione

La valutazione è punto di partenza e di arrivo di tutta l’attività scolastica.

valutazione

La  valutazione  diagnostica  è  affidata  al  Consiglio  di  Classe  e  ai  Docenti  di  Classe    all’inizio dell’anno  ed  all’inizio  di  ogni  nuovo  processo  di  apprendimento  per  la  rilevazione  delle competenze acquisite.

Il nostro Istituto effettua test d’ingresso, intermedi e finali progettate in base alle competenze individuate dalle Indicazioni Nazionali per il curricolo della Scuola dell’Infanzia e del Primo Ciclo d’istruzione, in Annali della Pubblica Istruzione, anno LXXXVIII, numero speciale 2012, in attuazione del Piano di Miglioramento. Il protocollo di elaborazione delle prove/somministrazione/valutazione/restituzione è allegato a questa pagina.

La valutazione formativa è utilizzata al temine di un nuovo processo di apprendimento  per rilevare l’acquisizione delle abilità programmate e per consentire eventuali interventi di rinforzo.

La valutazione sommativa riguarda le valutazioni periodiche e finali e rileva la situazione di raggiungimento degli obiettivi programmati.

Lo strumento su cui il Consiglio di Classe/Docenti di Classe formalizza le proprie valutazioni è la scheda personale di ogni alunno.

La valutazione sommativa prevede l’adozione delle valutazioni sintetiche espressi in voti per la Scuola Secondaria di Primo Grado e per la Scuola Primaria:

9/10              : competenze acquisite in modo completo  e approfondito

8                    : competenze acquisite in modo completo

7                    : competenze acquisite in modo soddisfacente

6                    : competenze acquisite in modo essenziale

5- 4                : competenze acquisite in modo inadeguato

La valutazione sommativa per la Scuola dell’Infanzia, a fine anno, è espressa attraverso la definizione di un profilo dell’alunno ai fini della costituzione delle prime classi della Scuola Primaria.

Criteri

La valutazione si fonda essenzialmente:

  • sulla base dei livelli di partenza, sul percorso misurato e sulle verifiche;
  • sull’esame degli interessi e della partecipazione in rapporto agli obiettivi formativi ed aquelli specifici di apprendimento;
  • sul livello di  competenze acquisito.

Di ogni alunno si terrà conto, quindi, dell’ambiente di provenienza, dei livelli di partenza, delle capacità intellettive, della volontà dimostrata, degli interessi, della partecipazione alle varie attività scolastiche, del comportamento, del grado di maturazione raggiunto. Sarà bene, inoltre, sottolineare che ogni discente sarà valutato non in confronto agli altri, ma in confronto a se stesso, cioè al cammino di crescita che è riuscito a percorrere.

Nell’effettuare le verifiche sommative ci si riferirà ai seguenti criteri:

  • raffrontale la situazione iniziale personale di ogni alunno con quella finale;
  • rapportarsi ai gruppi omogenei come definiti nella situazione iniziale;
  • tener conto dei ritmi di apprendimento, le potenzialità individuali e tutte le situazioni che oggettivamente abbiano condizionato il processo formativo.

Per la valutazione di dettaglio dell’area trasversale non cognitiva e cognitiva si rimanda ai Piani delle Attività del Consiglio di Classe.

VALUTAZIONE OFFERTA FORMATIVA

Il   nostro   Istituto   è   costantemente   impegnato   nell’autovalutazione   del   suo   percorso, utilizzando  tutti  gli  strumenti  messi  a  disposizione  del  MIUR.  Per  procedere  in  questa direzione e dare seguito alla Direttiva Ministeriale n. 11 del 18 settembre 2014, applicativa del Regolamento sul sistema nazionale di valutazione, adottato con il DPR 80/13, l’IC “Alfieri” ha istituito un Gruppo di Miglioramento, che ha elaborato il Rapporto di Valutazione (RAV).

In esso sono stati sottoposti a valutazione il contesto scolastico, il successo formativo degli studenti, sia nei risultati scolastici che nelle prove standardizzate, l’impegno nella prosecuzione degli studi. Sulla base dei risultati di tale Rapporto di Valutazione, si è proceduto, all’elaborazione di un efficace Piano di Miglioramento.

Circolare Ministeriale n. 47 del 2014: “tutte le istituzioni scolastiche elaboreranno nel corso del primo semestre 2015, attraverso un modello online, il Rapporto di autovalutazione (d'ora in avanti, "RAV"), arricchito da una sezione appositamente dedicata all'individuazione di priorità strategiche e dei relativi obiettivi di miglioramento. A tal fine, le scuole si doteranno di un'unità di autovalutazione”. Dalla compilazione del RAV 2014/2015 è scaturito il Piano di Miglioramento, sulla base del quale è stato elaborato il Progetto d’Istituto.

Gruppo di miglioramento

Dirigente Scolastico

dott.ssa Annunziata Martire

Funzioni Strumentali

F. Fortunato – V. Malpede – S. Scassillo – R. Scarfato

Collaboratori

L. Giugliano

Coordinatore Scuola

Infanzia e Primaria

S. Cutrupi

Referenti Progetto Qualità

G. Cuccurullo - I. Scafa – M. Zeccato

 

Comitato interno di valutazione

Dirigente Scolastico

Dott.ssa Annunziata Martire

Docente

Prof. M. Fermo

Docente

Prof. A. Margiotta

Insegnante

Ins. R. Scarfato

Genitore

Dott. P. De Biase

Componente esterno USR

Dott.ssa Donatella Ambrosio